Comunicato Stampa Fiavet Lazio – Costanzo: "La Regione Lazio aiuti il Turismo Scolastico"

Si è svolto ieri a Latina un incontro che la Fiavet Lazio, Associazione delle Imprese del Turismo, con il patrocinio della Provincia di Latina, ha dedicato al Turismo Scolastico. Coordinato dal Presidente dell’Associazione laziale Andrea Costanzo, il convegno, si è svolto nella Sala Conferenze dell’Istituto Vittorio Veneto e vede la partecipazione dei  dirigenti scolastici e amministrativi degli Istituti locali, dei docenti responsabili del turismo scolastico e delle più importanti agenzie di viaggi della provincia pontina.

All’incontro, ha partecipato Paolo Graziano, Direttore dell’Azienda di Promozione Turismo di Latina.

La Fiavet Lazio ha sempre avuto a cuore le problematiche legate ai viaggi di istruzione. Riteniamo fondamentale – spiega Andrea Costanzo, Presidente della Fiavet Lazio –  promuovere questo tipo di  incontri, perché i rapporti tra gli agenti di viaggi, Dirigenti scolastici ed Istituzioni devono essere sempre più chiari e diretti”.

“Per promuovere questa importante attività nella Regione – prosegue Costanzo – è auspicabile un aiuto concreto da parte della Regione Lazio, riconoscendo un bonus economico agli Istituti che sceglieranno la nostra Regione come meta del viaggio. È un’iniziativa già intrapresa in altre Regioni italiane”.

Non ci stancheremo mai di sottolineare come la gita scolastica rappresenti uno strumento formativo di grande valore per gli studenti nonché una fondamentale fonte di reddito e di guadagno per tutto il territorio. Nei momenti in cui occorre destagionalizzare, sostenere il turismo, aiutare le imprese, il viaggio di istruzione rappresenta un’occasione preziosa per portare sul territorio nuovi turisti – continua Costanzo -. Il carattere culturale del viaggio permette l’indirizzamento dei flussi turistici verso siti anche nascosti ma di grande importanza e bellezza per la nostra Regione.

È un turismo attraverso il quale si impara ad apprezzare e conoscere il territorio, per diffondere nei più giovani l’amore per l’ambiente in cui vivono, la passione per l’arte e la natura, la conoscenza della storia e delle proprie radici.

Il Turismo Scolastico è in grado di creare interesse verso località oggetto del viaggio sia grazie al passaparola tra le famiglie degli studenti, sia per le alte potenzialità di ritorno degli stessi studenti sui posti visitati,  con una ricaduta economica potenziale per il territorio.

L’anno scorso nel Lazio gli studenti in viaggio sono stati circa 100.000. Per questo occorre sostenere e incentivare il turismo nella Regione tramite formule di sostegno e contributo per quelle scuole che decidono di destinare i propri viaggi nella Regione Lazio”.