Aumento dell’aliquota al 21% – riflessi sul regime IVA ordinario

Aumento dell’aliquota al 21% – riflessi sul regime IVA ordinario

 

A seguito della modifica dell’aliquota IVA ordinaria dal 20% al 21% che, come è ormai noto, è stata introdotta dall’ultima “Manovra”[1], emergono una serie di problematiche legate al periodo di transizione dalla vecchia alla nuova aliquota, risolvibili alla luce della corretta individuazione del momento impositivo in cui è stata posta in essere l’operazione rilevante ai fini IVA.

 

Per tale motivo si cercherà di fornire una sintesi dei criteri che consentono, sia con riferimento alla cessione di beni ma soprattutto alle prestazioni di servizi, di individuare il momento di effettuazione, ai fini IVA, dell’operazione.

 

 

Momenti di effettuazione delle operazioni

 

Si ribadisce innanzitutto che la nuova aliquota IVA del 21% si applica alle operazioni effettuate, ai fini IVA, a partire dal 17 settembre 2011. Per individuare il momento impositivo in cui l’operazione si considera fiscalmente effettuata si dovrà innanzitutto distinguere le cessioni di beni dalle prestazioni di servizi[2].

 

REGOLE GENERALI

 

Tabella n. 1

 

Tipo di operazione

Momento di effettuazione, ai fini IVA, dell’operazione

Cessione di beni mobili

Consegna o spedizione del bene (*)

 

Cessione di beni immobili

Stipula dell’atto notarile di compravendita (non ha rilevanza, ai fini IVA, il preliminare di vendita). La nuova aliquota si applica ai contratti firmati dal 17 settembre in poi, salvo i casi in cui si applica l’aliquota ridotta.

 

Prestazione di servizi

Pagamento del corrispettivo, non assume rilevanza la data dell’avvenuta esecuzione del servizio.

Un servizio ultimato il 16 settembre 2011 ma pagato dopo sconta l’IVA del 21%.

(*)  Cessioni di beni mobili

 

L’operazione si considera effettuata con la consegna del bene al vettore. Se il trasporto avviene con mezzi propri o la vendita è senza trasporto, si dovrà fare riferimento alla consegua al cessionario. Quindi le merci consegnate al vettore il 16 settembre 2011 ma giunte a destinazione il 17 settembre od oltre, sono assoggettate ad aliquota del 20%.

 

Cessioni periodiche o continuative in esecuzione di contratti di somministrazione, il momento di effettuazione dell’operazione coincide con l’atto del pagamento del corrispettivo, a prescindere dalla data di consegna o spedizione dei beni.

 

 

Per gli acquisti intracomunitari, il momento di effettuazione è individuato con riferimento alla consegna nel territorio dello Stato (se il trasporto è curato dal cedente) o al momento di arrivo nel luogo di destinazione nel territorio dello Stato (se il trasporto è curato dal cessionario nazionale)[3].

 

 

DEROGHE SIA PER LE CESSIONI di BENI SIA PER LE PRESTAZIONI di SERVIZI

 

Fatture o pagamenti anticipati sia rispetto alla consegna del bene sia alla prestazione del servizio

 

In caso di emissione della fattura o di pagamento in tutto o in parte del corrispettivo (REGIME IVA ORDINARIO), l’operazione si considera effettuata, limitatamente all’importo fatturato o pagato, alla data di emissione della fattura o del pagamento.

 

Pertanto nel caso di operazioni regolate con pagamento di un acconto e poi del saldo, la parte del corrispettivo pagato o fatturato entro lo scorso 16 settembre 2011, sconta l’IVA del 20% (anche se ad esempio per i beni la consegna avvenga successivamente); mentre dal 17 settembre in poi si applica l’IVA del 21%.

 

Fattura differita

 

Nell’ipotesi di fatturazione differita è rilevante la data di consegna o spedizione del bene, indipendentemente dal successivo pagamento od emissione della fattura differita.

 

Note di variazione

 

Le eventuali note di variazione in aumento o in diminuzione[4] seguono l’aliquota IVA vigente alla data dell’operazione cui si riferisce la variazione.

Quindi, le note di variazione che sono emesse in relazione ad operazioni effettuate prima del 17 settembre 2011, saranno assoggettate ad aliquota del 20%, quelle successive al 21%.

 

Per le prestazioni di servizi e le somministrazioni, dato che il momento di effettuazione dell’operazione è individuato dal pagamento del corrispettivo, le variazioni in aumento dell’imponibile saranno soggette all’imposta con aliquota del 21% se il pagamento è effettuato dal 17 settembre 2011.

 

Operazioni con lo Stato e pubbliche amministrazioni

 

Le regole relative all’aumento dell’IVA non si applicano alle operazioni effettuate nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni, per le quali la fattura sia stata emessa o registrata al 16 settembre 2011 (anche se il corrispettivo non è stato ancora pagato).

Al riguardo, però, l’art. 6, c. 5, del DPR n. 633/72, prevede per le forniture allo Stato e agli altri Enti indicati (Enti pubblici territoriali, e relativi Consorzi, Camere di commercio, Istituti universitari, Enti ospedalieri, di ricovero e cura con prevalente carattere scientifico nonché gli Enti di assistenza e previdenza), il differimento dell’esigibilità dell’imposta al momento del pagamento del corrispettivo. La disposizione introdotta dalla “Manovra” non dovrebbe, quindi, trovare concreta applicazione.


 

Si riepilogano le principali operazioni ricadenti nel regime IVA ordinario nelle seguenti tabelle:

 

Tabella n. 2

 

CESSIONE di BENI MOBILI

 

Tipologia di operazione

Data di pagamento o di fatturazione

Aliquota IVA

Cessione effettuata con la clausola “franco magazzino venditore” e consegnata al vettore il 16 settembre 2011

Pagamento o emissione della fattura differita al 17 settembre 2011

20% in quanto l’operazione si considera effettuata alla consegna della merce al vettore

 

 

Cessione effettuata con la clausola “franco magazzino venditore” con consegna al vettore il 17 settembre 2011

Pagamento anticipato o emissione della fattura anticipata al 16 settembre 2011

20% poiché l’operazione si considera effettuata al pagamento o all’emissione della fattura

Pagamento di un acconto il 16 settembre 2011 e del saldo il 17 settembre 2011

20% sull’acconto e 21% sul saldo

 

Pagamento o emissione della fattura differita dopo la consegna

21% perché l’operazione si considera effettuata alla consegna della merce al vettore

Cessione effettuata con clausola “franco magazzino acquirente” con consegna al vettore il 16 settembre 2011 e al cliente il 17 settembre 2011

Pagamento il 17 settembre 2011  

21%: l’operazione e si considera effettuata all’arrivo dei beni nel magazzino del cliente

Pagamento anticipato o emissione della fattura anticipata il 16 settembre 2011

20%: l’operazione si considera effettuata al pagamento o all’emissione della fattura

Cessione con consegna al cliente per metà il 16 settembre 2011 e per l’altra il 17 settembre 2011

Pagamento o emissione della fattura differita dopo la seconda consegna

20% per la prima consegna il 16 settembre 2011,

21% sulla seconda metà consegnata il 17 settembre 2011

 


 

Tabella n. 3

 

PRESTAZIONI di SERVIZI GENERICI

Tipologia di operazione

Data di pagamento o di fatturazione

Aliquota IVA

Lavorazione su beni di terzi e consegna dei beni finiti al cliente, il 16 settembre o 17 settembre 2011

Pagamento o emissione della fattura il 16 settembre

 

20%: l’operazione si considera effettuata al pagamento o all’emissione della fattura (se prima del pagamento), non rileva il momento della lavorazione e della consegna.

Pagamento di acconto il 16 settembre e del saldo il 17 settembre

 

20% per l’acconto

21% per il saldo

Emissione della fattura anticipata il 16 settembre e pagamento il 17 settembre

 

20%: l’operazione si considera effettuata all’emissione della fattura

Emissione fattura e pagamento il 17 settembre

21%: l’operazione si considera effettuata al pagamento del corrispettivo

Prestazione professionale effettuata il 16 settembre o il 17 settembre

Emissione della fattura pro-forma e pagamento il 16/9

20%: l’operazione si considera effettuata al pagamento del corrispettivo

Pagamento il 16/9

Emissione della fattura pro forma il 16/9 e pagamento il 17/9

21%:l’operazione si considera effettuata al pagamento del corrispettivo anche se la fattura pro forma ha l’IVA al 20%

Emissione della fattura pro forma e pagamento il 17 settembre

21%: l’operazione si considera effettuata al pagamento del corrispettivo

Pagamento il 17 settembre

Emissione della fattura anticipata il 16 settembre e pagamento il 17 settembre

20%: l’operazione si considera effettuata all’emissione della fattura

 


 

Tabella n. 4

 

PRESTAZIONI di SERVIZI delle AGENZIE di VIAGGI

Regime IVA ordinario

Tipologia di operazione

Data di pagamento o di fatturazione

Aliquota IVA

Provvigioni attive per l’attività di intermediazione nella vendita di biglietteria nazionale (aerea, marittima, ferroviaria ed automobilistica)

Emissione della fattura il 16 settembre 2011

20%: l’operazione si considera effettuata alla data di emissione della fattura

Emissione della fattura il 17 settembre 2011

21%: l’operazione si considera effettuata alla data di emissione della fattura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Compensi di intermediazione per l’attività di vendita di biglietteria aerea nazionale

Pagamento o fattura a richiesta del cliente il 16 settembre 2011

20% in quanto l’operazione si considera effettuata al pagamento del corrispettivo o all’atto dell’emissione delle fattura

Pagamento o fattura a richiesta del cliente il 17 settembre 2011

21% in quanto l’operazione si considera effettuata al pagamento del corrispettivo o all’atto dell’emissione della fattura

Emissione del tagliando sostitutivo della ricevuta fiscale il 16 settembre 2011, per le Agenzie di Viaggi IATA che si avvalgono della procedura di cui alla Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate del 29 settembre 2004, n. 125/E

20% in quanto il momento impositivo in tale ipotesi coincide con quello di emissione del titolo di viaggio

 

(Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate del 29 settembre 2004, n. 125/E, pag. 6)

 

Emissione del tagliando sostitutivo della ricevuta fiscale il 17 settembre 2011 per le Agenzie di Viaggi IATA che si avvalgono della procedura di cui alla Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate del 29 settembre 2004, n. 125/E

 

21% in quanto il momento impositivo in tale ipotesi coincide con quello di emissione del titolo di viaggio

 

(Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate del 29 settembre 2004, n. 125/E, pag. 6)

 

 

 

Diritti di Agenzia (rimborsi forfetari di spesa per l’esecuzione di servizi a favore del cliente)

 

 

Pagamento o emissione della fattura a richiesta del cliente il 16 settembre 2011

20% in quanto l’operazione si considera effettuata al pagamento del corrispettivo o emissione della fattura

Pagamento o emissione della fattura a richiesta del cliente il 17 settembre 2011

21% poiché vale il momento di incasso del corrispettivo o di emissione della fattura

 

 

 

Cordiali saluti.

 

Fiavet Lazio

 

 

La Segreteria

 

 

Prot. 246/11 – News 102 – vai al sito www.fiavet.lazio.it

 

Roma, 28 settembre 2011

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



[1] Art. 2, commi da 2-bis a 2-quater, della Legge del 14 settembre 2011, n. 148, di conversione, con modificazioni, del Decreto Legge del 13 agosto 2011, n. 138 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 216 del 16 settembre 2011 con entrata in vigore dal giorno successivo.

[2] Art. 6, del DPR n. 633/72.

[3] Art. 39, del Decreto Legge n. 331/1993.

[4] Art. 26, comma 2 del DPR n. 633/1972.