Comunicazione Iata alle Agenzie di Viaggio: PAXIS e DDS

Comunicazione Iata alle Agenzie di Viaggio: PAXIS e DDS

 

Informiamo gli Associati che la IATA ha inviato  agli agenti di viaggio la nota relativa al  consenso ad essere identificato nel PAXIS e DDS. 

 

Il sistema PAXIS (Passenger Intelligence Services) e DDS (Direct Data service) è un sistema automatico ideato da Iata  per il  tracciamento delle prenotazioni effettuate dall’agenzia (destinazione, numero di pax, etc). In relazione a tale sistema, già in vigore da alcuni mesi, Iata ha mandato alle agenzie di viaggio una circolare ove si richiede il silenzio assenso di accettazione di tale sistema. Nello specifico, in tale comunicazione informa che le agenzie entro 45 giorni (30 aprile) possono:

 

1) non prestare il consenso, per non essere identificati nei prodotti di intelligence   

2) autorizzare Iata a prestare a terzi i dati raccolti

3) chiedere ulteriori informazioni sulla richiesta fatta da Iata

 

Fiavet attraverso l’ECTAA ha richiesto alla IATA rassicurazioni in merito ad alcune tematiche specifiche:

 

1)  che non sia una condizione per avere o rimanere accreditati come agenti Iata 

2)  riservatezza dei dati e condivisione con l’agenzie dei dati prodotti

3)  remunerazione o ottenimento di una compensazione per partecipare

4)  non aumento dei costi di accreditamento in caso di diniego

 

Iata ha già risposto per iscritto rassicurando che:

  • per quanto riguarda eventuali dinieghi alla identificazione da parte di Iata nei prodotti d’intelligence, ciò non influirà in merito alla partecipazione al sistema BSP;
  • Iata ha respinto ogni ipotesi d’infrazione al codice di Condotta CRS del 29.03.2009, ritenendo che i contratti di mandato con gli agenti di viaggi già consentano l’identificazione tramite il Paxis, cosa chiaramente contestata dall’Ectaa;

L’Ectaa ha avuto una riunione il 17 Marzo u.s. con il responsabile della DG MOVE (Directorate – General of European Commission for Mobility and Transport) che si occupa del reclamo contro Iata inerente il Paxis e prodotti simili. La Commissione ha reso noto che ha avuto contatti con Iata e che la lettera di chiarificazioni inviata rappresenta un passo avanti. La Commissione ha sempre indicato che non interverrà in questa fase ma ha chiesto di essere informata sulle eventuali problematiche e segnalazioni che sono state inviate dagli Agenti di Viaggio. Infatti la Commissione ha precisato che non può prendere decisioni o sanzioni contro la Iata sulla base del Regolamento 80/2009 relativo al Codice di condotta CRS, se non ha la richiesta da parte degli agenti di viaggio. Ha altresì rilevato che il detto Regolamento non consente di condannare ad un risarcimento danni, che invece deve essere richiesto da ogni Agenzia davanti ai Tribunali competenti . L’Ectaa cercherà di ottenere maggiori chiarimenti da Iata, ma difficilmente ci sarà un ripensamento della Iata .

 

Pertanto,  invitiamo gli Associati a prendere nota della presente, in attesa che pervengano da Ectaa e Iata ulteriori delucidazioni entro la scadenza del 30 aprile. Nel frattempo, Vi richiediamo di segnalare eventuali comportamenti da parte della Iata nel richiedere l’implicito consenso per essere identificati in Paxis e DDS (al riguardo si ricorda che entrando nei due sistemi esistono due “pulsanti”, uno per richiedere ulteriori informazioni e un pulsante per rifiutare l’offerta: in entrambi i casi l’agente, anche ove avesse rifiutato l’offerta, può essere ricontattato da Iata per ulteriori chiarimenti).

 

Sarà nostra cura aggiornarvi tempestivamente sugli sviluppi della questione.

 

 

 

Cordiali saluti.

 

Fiavet Lazio

La Segreteria

 

Prot. 114/12 – News 54 – dal sito www.fiavet.lazio.it

 

Roma, 29 marzo 2012
All 1 news 54.pdf 

All 2 News 54.pdf 
All 3 News 54.pdf
All 4 News 54.doc
All 5 news 54.pdf