SCADENZE FISCALI MESI DI NOVEMBRE – DICEMBRE 2018

La fine dell’anno solare presenta numerose e incombenti scadenze di versamenti fiscali che riteniamo opportuno riepilogare e brevemente commentare in questa circolare (come già fatto per l’altro periodo critico dell’anno coincidente con i mesi di maggio e giugno) per fornire alle agenzie viaggi associate un utile quadro riepilogativo.
 
16 NOVEMBRE – VERSAMENTI IVA, RITENUTE D’ACCONTO, CONTRIBUTI INPS
In tale data devono essere stati effettuati:

  • Versamenti Iva mensili e trimestrale:

è scaduto il 16 novembre il termine di versamento dell’Iva a debito eventualmente dovuta per il mese di ottobre (codice tributo 6010) e terzo trimestre 2018 (codice tributo 6033).

  • Versamento dei contributi Inps:

è scaduto il 16 novembre il termine per il versamento dei contributi Inps dovuti dai datori di lavoro, e della terza rata dei contributi fissi Inps gestione commercianti.

  • Versamento delle ritenute alla fonte:

Entro tale data i sostituti d’imposta devono aver provveduto al versamento delle ritenute alla fonte effettuate nel mese precedente sui redditi di lavoro dipendente unitamente al versamento delle addizionali all’Irpef; sui redditi di lavoro assimilati al lavoro dipendente; sui redditi di lavoro autonomo.
 
30 NOVEMBRE – VERSAMENTO SECONDO ACCONTO 2018 DELLE IMPOSTE SUI REDDITI ED IRAP
In tale data dovranno essere effettuati i versamenti relativi al secondo acconto delle imposte sui redditi IRPEF (per persone fisiche, ditte individuali o soci di società di persone), IRES (per società di capitali) ed IRAP.
Il versamento non è rateizzabile e può essere effettuato esclusivamente in unica soluzione.
 
30 NOVEMBRE – COMUNICAZIONE LIQUIDAZIONE IVA PERIODICA
Scade oggi il termine per la comunicazione all’Agenzia delle entrate dei dati Iva relativi alle liquidazioni del terzo trimestre 2018, sia per i soggetti mensili che trimestrali.
Il modello di comunicazione deve essere presentato esclusivamente per via telematica, direttamente dal contribuente o per il tramite di intermediari abilitati. Si considerano tempestive le comunicazioni presentate per via telematica entro i termini prescritti e scartate, purché ritrasmesse entro i 5 giorni successivi alla data contenuta nella comunicazione dell’Agenzia delle entrate che attesta il motivo dello scarto.
 
17 DICEMBRE – SALDO IMU E TASI
L’acconto risultava dovuto (alla scadenza del 18 giugno) sulla base di aliquote e detrazioni deliberate per l’anno precedente (quindi quelle del 2017), mentre il conguaglio a saldo viene determinato sulla base delle aliquote 2018, se approvate entro il termine del 28 ottobre (in caso contrario anche il saldo sarà calcolato sulla base delle aliquote 2017).
 

  Scadenza Parametri di calcolo
Acconto 2018 Imu 18 giugno 2018
(il 16 cade di sabato)
Aliquote 2017
Saldo 2018 Imu 17 dicembre 2018
(il 16 cade di domenica)
Aliquote 2018
(pubblicate entro 28 ottobre)

 
Il versamento può essere effettuato tramite apposito bollettino, ovvero tramite il modello F24. L’utilizzo del modello F24 consente la compensazione del tributo dovuto con altri crediti vantati dal contribuente. Non sono previsti pagamenti rateali.
 
17 DICEMBRE – VERSAMENTI IVA, RITENUTE D’ACCONTO, CONTRIBUTI INPS
In tale data dovranno essere effettuati:

  • Versamenti Iva mensili :

Scade oggi il termine di versamento dell’Iva a debito eventualmente dovuta per il mese di novembre (codice tributo 6011).

  • Versamento dei contributi Inps:

Scade oggi il termine per il versamento dei contributi Inps dovuti dai datori di lavoro.

  • Versamento delle ritenute alla fonte:

Entro oggi i sostituti d’imposta devono provvedere al versamento delle ritenute alla fonte effettuate nel mese precedente sui redditi di lavoro dipendente unitamente al versamento delle addizionali all’Irpef; sui redditi di lavoro assimilati al lavoro dipendente; sui redditi di lavoro autonomo.
 
27 DICEMBRE – VERSAMENTO ACCONTO IVA
In tale data i soggetti che eseguono le operazioni mensili e trimestrali di liquidazione e versamento dell’Iva sono tenuti a versare l’acconto per l’anno 2018.
Per la determinazione degli acconti, come di consueto, sono utilizzabili tre metodi alternativi che riportiamo in seguito.
 

storico 88% dell’imposta dovuta in relazione all’ultimo mese o trimestre dell’anno precedente
analitico liquidazione “straordinaria” al 20 dicembre, con operazioni effettuate (attive) e registrate (passive) a tale data
previsionale 88% del debito “presunto” che si stima di dover versare in relazione all’ultimo mese o trimestre dell’anno

 
L’acconto va versato utilizzando il modello di pagamento F24, senza applicare alcuna maggiorazione a titolo di interessi, utilizzando il codice tributo 6013 per i contribuenti IVA mensili e il codice tributo 6035 per i contribuenti IVA trimestrali.
 
L’ufficio fiscale FIAVET rimane a disposizione per qualsiasi chiarimento.
 
Cordiali saluti.
Fiavet Lazio
La Segreteria
Prot.  126/18 – News 69