Regime di non imponibilità IVA per i partecipanti all’expo 2015 – modelli in lingua inglese e francese

Regime di non imponibilità IVA per i partecipanti all’expo 2015 – modelli in lingua inglese e francese

 

Informiamo gli Associati che l’Accordo stipulato dall’Italia con il Bureau International des Expositions[1] sulle misure necessarie per facilitare la partecipazione all’EXPO 2015 ha previsto un’agevolazione in materia di IVA per gli acquisti di beni e servizi e per le importazioni di importo rilevante, riguardanti le attività ufficiali da parte dei Rappresentanti dei Paesi partecipanti.

 

L’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni importanti chiarimenti con la Risoluzione del 15 gennaio 2014, n. 10/E, in merito al regime di non imponibilità IVA e da ultimo lo scorso 21 febbraio con la pubblicazione delle versioni in lingua inglese e francese dei modelli che gli Espositori internazionali, che saranno presenti a EXPO 2015, devono compilare al fine di fruire di tale agevolazione.

 

L’Amministrazione finanziaria ha precisato che non saranno soggetti ad IVA gli acquisti di beni e servizi, nonché le importazioni di beni, di importo superiore ad € 300, concernenti le attività ufficiali da parte dei Commissariati Generali di Sezione[2].

 

Pertanto, i Commissariati Generali di Sezione dovranno utilizzare i predetti modelli in duplice copia per richiedere l’applicazione della agevolazione fiscale, rilasciando ai fornitori la dichiarazione scritta, con la specifica della finalità dell’acquisto ed il riferimento alla norma che dispone l’agevolazione (art. 10, comma 5, dell’Accordo). Così i partecipanti all’evento, sotto la propria responsabilità, potranno effettuare acquisti di beni e servizi, analiticamente individuati, per finalità legate alla partecipazione all’EXPO 2015 usufruendo dell’immediata applicazione della non imponibilità IVA.

 

Per le operazioni già realizzate a cui sia stata applicata l’IVA, i fornitori potranno emettere, entro un anno dall’effettuazione dell’operazione, una “nota di credito” a favore dell’acquirente, per consentire il recupero della imposta erroneamente addebitata[3].

 

Il testo della Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate in inglese e in francese, con lo schema di dichiarazione, è disponibile sul sito internet www.agenziaentrate.it nella sezione Home – Documentazione – Desk Expo 2015.

 

 

                                                                                     Pierluigi Fiorentino 
                                                                           
(Responsabile Servizi Fiscali)                                                            

 

        

Cordiali saluti.

 

Fiavet Lazio

La Segreteria

 

Prot. 37/14 – News 23– Dal sito: www.fiavet.lazio.it

 


[1] Art. 10, c. 5, della Legge 14 gennaio 2013, n. 3 di ratifica del predetto Accordo.

[2] Stabilito dall’art. 72, c. 2, del DPR 26 ottobre 1972, n. 633.

[3] Ai sensi dell’art. 26, commi 2 e 3, del DPR n. 633/1972.