Previsioni confermate: meglio questi ponti delle partenze di Pasqua. Ma non basta a sanare la crisi delle imprese turistiche laziali

Previsioni confermate: meglio questi ponti delle partenze di Pasqua.

Ma non basta a sanare la crisi delle imprese turistiche laziali.

 

Nonostante lo scenario di recessione, a pochi giorni dal ponte del 25 aprile e del 1° maggio qualcosa si sta muovendo. Ormai la tendenza, vista anche la necessità di risparmiare, è quella di prenotare sempre più all’ultimo secondo. Certamente siamo sempre sotto il venduto dello scorso anno, sia in termini di viaggiatori che di fatturato”. E’ questa la sintesi del Presidente della Fiavet Lazio, Andrea Costanzo, in merito all’andamento delle prenotazioni per i prossimi long week end di primavera.

I prossimi giorni, anche grazie alle piacevoli temperature previste, saranno una buona occasione per un assaggio di vacanza e per gustare i primi scorci di sole al mare o in montagna che rimangono le mete più richieste dai laziali che rimarranno in Italia. Costante la richiesta per pacchetti in centri benessere e terme, richiestissimi da coppie e single, e destinazioni abbinate ai parchi divertimento per famiglie con bambini. In crescita la domanda verso il turismo naturalistico. Solo il 34% andrà all’estero, quasi esclusivamente nelle Capitali Europee, con Madrid e la Spagna a farla da padrone, seguite dalla Germania, Gran Bretagna e Francia. Situazione migliore rispetto allo scorso anno per il settore crocieristico: sono tanti i romani che scelgono la vacanza in nave con crociere nel Mediterraneo.

La rielezione del Capo dello Stato e la prevista istituzione rapida del nuovo governo – conclude Costanzo – ci auguriamo porti l’agognata stabilità politica che serve al Paese, la tranquillità e la voglia di viaggiare perché il turismo è come la borsa economica: risente tantissimo del fattore psicologico intrinseco alla instabilità politica”.