Decreto Legge del 29 dicembre 2011, n. 216 contenente proroghe di termini previsti da disposizioni legislative (cosiddetto Mille proroghe)

Decreto Legge del 29 dicembre 2011, n. 216 contenente proroghe di termini previsti da disposizioni legislative (cosiddetto Mille proroghe)

 

Si informa che il Decreto Legge del 29 dicembre 2011, n. 216, recante la “proroga di termini previsti da disposizioni legislative” (cosiddetto mille proroghe 2012), è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 dello stesso giorno ed è entrato contestualmente in vigore.

 

Il provvedimento, diversamente dagli scorsi anni, reca un ridotto numero di proroghe, avendo il Governo deciso di prorogare “solo alcuni termini il cui differimento è,  dopo attenta istruttoria, assolutamente necessario per garantire efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa, nonché operatività di strutture deputate a funzioni essenziali” (comunicato Consiglio Ministri n.8 del 23.12.2011).

 

Il decreto sarà trasmesso alla Camera dei deputati per l’inizio dell’iter di conversione in legge, che dovrà concludersi nel consueto termine di 60 giorni.

 

Si segnalano comunque alcune disposizioni di maggiore interesse per il Settore delle Agenzie di Viaggi e Turismo.

 

 

DISPOSIZIONI IN MATERIA FISCALE

 

Tassazione delle rendite finanziarie (art. 29 commi 2 e 3)

 

Come è noto, sulle rendite finanziare è stata introdotta, a partire dal 1 gennaio 2012, l’aliquota unica del 20%. Tale nuova aliquota fiscale si applicherà sugli interessi e sugli altri proventi di natura finanziaria maturati (e, quindi non più esigibili), a decorrere appunto dal 1 gennaio 2012. Ciò comporterà, ad esempio, che sugli interessi di conto corrente bancari e postali maturati fino al 31 dicembre 2011, indipendentemente dal momento in cui diventano esigibili, si applicherà l’aliquota del 27%.

 

Proroga sanatoria per la chiusura delle “partite IVA inattive” (art. 29, comma 6)

 

Per coloro che non avessero comunicato la avvenuta cessazione dell’attività, è stato prorogato al 2 aprile 2012 il termine per chiudere le partite IVA inattive con il versamento della sanzione minima ridotta di € 129,00.  

 

Proroga dei termini per l’avvio della comunicazione mensile dei dati retributivi da parte dei sostituti d’imposta (art 29, comma 7)

 

La decorrenza per l’invio telematico della comunicazione obbligatoria mensile, da parte dei sostituti d’imposta, con i dati retributivi e le informazioni necessarie per il calcolo delle ritenute fiscali e dei relativi conguagli, per il calcolo dei contributi, nonché per la rilevazione della misura della retribuzione e dei versamenti eseguiti, è stata prorogata al mese di gennaio 2014, previa sperimentazione a partire dall’anno 2013.

 

Addizionale regionale all’IRPEF (art. 29, comma 14)

 

Per l’anno di imposta 2011, il termine per deliberare l’aumento o la diminuzione dell’aliquota dell’addizionale regionale all’IRPEF è prorogato al 31 dicembre 2011; in ogni caso l’aumento o la diminuzione si applicano sull’aliquota di base dell’1,23 % e le maggiorazioni già vigenti alla data di entrata in vigore del Decreto n. 216/2011 si intendono applicate sulla predetta aliquota di base dell’1,23 %.

 

 

Proroghe per le zone alluvionate (art. 29, comma 15)

 

Per l’anno 2011, è stata disposta nei confronti dei soggetti interessati dalle eccezionali avversità atmosferiche, verificatesi nel mese di ottobre 2011 nel territorio delle Province di La Spezia e Massa Carrara e nei giorni dal 4 all’8 novembre 2011 nel territorio della Provincia di Genova, la proroga al 16 luglio 2012 dei termini degli adempimenti e versamenti tributari, nonché dei versamenti relativi ai contributi previdenziali ed assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali che scadono rispettivamente nel periodo dal 1° ottobre 2011 al 30 giugno 2012 e dal 4 novembre 2011 al 30 giugno 2012.

 

Non si fa luogo al rimborso di quanto già versato.

 

Il versamento delle somme, oggetto di proroga, sarà effettuato a decorrere dal 16 luglio 2012 in un numero massimo di sei rate mensili di pari importo.

 

La sospensione si applica limitatamente agli adempimenti ed ai versamenti tributari relativi alle attività svolte nelle predette aree.

 

Con una successiva Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri saranno stabiliti i criteri per l’individuazione dei soggetti che potranno usufruire dell’agevolazione anche ai fini del rispetto del limite di spesa previsto in 70 milioni di euro per il 2011. A tal fine i Commissari delegati, avvalendosi dei Comuni, predisporranno l’elenco dei soggetti beneficiari dell’agevolazione.

 

 

 

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI LAVORO E POLITICHE SOCIALI

 

Trattamenti di sostegno al reddito per i lavoratori sospesi, gli apprendisti e i collaboratori coordinati e continuativi (art. 6, comma 1)

 

Vengono prorogate a tutto il 2012:

 

le disposizioni in base alle quali le risorse finanziarie per gli ammortizzatori sociali in deroga potranno essere utilizzate anche per finanziare i trattamenti di indennità di disoccupazione – ordinaria e ridotta – in caso di sospensione per crisi aziendale o occupazionale, per gli apprendisti, nella misura equivalente a quella per i trattamenti in deroga (lett. a e b);

          la liquidazione, in favore dei collaboratori coordinati e continuativi, di una somma in un’unica soluzione (c.d. “prestazione una tantum”), ai sensi dell’art. 19, comma 2, del d.l. n. 185/2008, in presenza dei requisiti previsti dalla stessa norma (lett. c).

 

Prestazioni occasionali di tipo accessorio – Voucher (art. 6, comma 2)

 

Vengono prorogati a tutto il 2012 i termini, già estesi fino al 31 marzo 2011, di cui all’art. 70, commi 1 ed 1-bis, del D.lgs 276 del 2003 in materia di lavoro accessorio, ed in particolare:

          la possibilità di utilizzo, in via sperimentale, dei soggetti titolari di contratto di lavoro di tipo parziale, in attività di natura occasionale in qualsiasi settore produttivo, con esclusione della opportunità di utilizzare i buoni lavoro presso il datore titolare del contratto a tempo parziale;

          la possibilità per i percettori di prestazioni integrative del salario o di sostegno al reddito (compatibilmente con le disposizioni di cui all’articolo 19, comma 10, del DL 185 del 2008) di prestare lavoro di tipo accessorio, entro un limite di 3.000 euro.

 

 

 

 

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

 

Tasse e diritti marittimi (art. 11, comma 1)

 

Viene posticipato al 1° gennaio 2013 l’adeguamento sulla base del tasso di inflazione delle tasse e dei diritti marittimi, originariamente previsto dalla legge finanziaria del 2007 ed al tempo stesso, al fine di sostenere la competitività dei porti nazionali, viene esteso al 2012 il periodo sperimentale in cui è consentito alle Autorità Portuali, di apportare variazioni in aumento (fino al doppio) o in diminuzione (fino all’azzeramento) alle tasse di ancoraggio e portuale.

 

 

Concessioni aeroportuali (art. 11, comma 2)

 

Viene ulteriormente prorogato al 30 giugno 2012 il termine per la conclusione di procedimenti di rilascio di concessioni aeroportuali, su istanze precedenti all’entrata in vigore del d.lgs. 96/2005, in esenzione dal rispetto delle disposizioni dei primi due commi dell’art. 704 del Codice della Navigazione (rilascio della concessione con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, durata massima 40 anni, selezione del concessionario attraverso gara ad evidenza pubblica).

 

 

Diritti aeroportuali (art. 11, comma 3)

 

Viene prorogato al 31 dicembre 2012 il termine entro il quale il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, con proprio Decreto, provvede all’aggiornamento della misura dei diritti aeroportuali al tasso di inflazione programmato.

 

Analogo slittamento viene concesso per la presentazione, da parte dei concessionari aeroportuali, di completa istanza di stipula del contratto di programma. Infatti l’aggiornamento della misura dei diritti decade in mancanza di tale adempimento da parte dei suddetti concessionari.

 

 

Autoservizi pubblici non di linea (art. 11, comma 4)

 

Slitta al 30 giugno 2012 il termine per la prevista adozione, con decreto interministeriale, previa intesa con la Conferenza Unificata, di misure attuative in materia di principi fondamentali della disciplina dei servizi di taxi e noleggio con conducente, cui è stata subordinata l’entrata in vigore della contestata riforma dettata dal D.L. 207/2008.

 

Agenzia per le infrastrutture stradali e autostradali (art. 11, commi 5 e 6)

 

Fino alla data di adozione dello statuto dell’Agenzia per le infrastrutture stradali e autostradali, e comunque non oltre il 31 marzo 2012, le funzioni e i compiti ad essa trasferiti continuano ad essere svolti dai competenti uffici delle Amministrazioni dello Stato e dall’Ispettorato di vigilanza sulle concessionarie autostradali e dagli altri uffici di Anas spa dei quali l’Agenzia continua ad avvalersi  successivamente alla data del 31 marzo qualora non sia stato pubblicato il previsto DPCM che individua le unità di personale da trasferire all’Agenzia e procede alla conseguente riduzione delle dotazioni organiche e delle strutture delle Amministrazioni interessate al trasferimento.

 

Slitta parallelamente al 31 marzo 2012 il termine entro il quale l’Agenzia subentra ad ANAS spa nelle funzioni di concedente e dal quale l’Agenzia subentra ad ANAS spa in tutti gli atti convenzionali con le società regionali.

 

 

DISPOSIZIONI I MATERIA DI AMBIENTE

 

Sistri (art. 13, commi 3 e 4) 

 

Al fine di consentire un necessario periodo di adeguamento del sistema e consentire a tutti gli operatori coinvolti di adempiere correttamente agli adempimenti informatici previsti, la norma proroga al 2 aprile 2012 il termine di piena operatività del Sistri consentendo inoltre, in tal modo, di adattare il DM cd. “Testo unico SISTRI” alle necessità operative ed agli adeguamenti informatici eventualmente necessari per render pienamente efficiente lo stesso sistema operativo.

Viene prorogato, inoltre, al 2 luglio 2012 il termine a decorrere dal quale le piccole imprese agricole che producono e trasportano modesti quantitativi di rifiuti sono obbligate ad iscriversi al SISTRI.

 

 

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ENTI LOCALI

 

Carta di identità (art. 15, comma 4)

 

E’ prorogato al 31 dicembre 2012 il termine relativo all’apposizione delle impronte digitali sulle carte di identità in formato cartaceo.

 

Cordiali saluti.

 

Fiavet Lazio

La Segreteria

 

Prot. 07/12 – News 03 – dal sito: www.fiavet.lazio.it