ATTENTATO IN TUNISIA – AVVISO DELLA FARNESINA 26 GIUGNO 2015

ATTENTATO IN TUNISIA – AVVISO DELLA FARNESINA 26 GIUGNO 2015

 

Vi trasmettiamo l’ avviso appena ricevuto dall’Unità di Crisi della Farnesina in riferimento all’attentato in Tunisia presso Port El Kantaoui, nelle vicinanze di Sousse,

 

L’aggiornamento è evidenziato in “rosso”.

 

 

 

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

 

 

Unità di Crisi

E-mail: unita.crisi@esteri.it

 

 

 

                                                                                                                     

                               26/06/2015

 

 

DIRETTO A: – ACI; Televideo

E p.c.:          – Ambasciata d’Italia Tunisi        

 

OGGETTO: – TUNISIA  –  Avviso Particolare sito viaggiaresicuri.it.

 

Si prega l’ACI di voler sostituire il testo che appare alla voce “Avvisi Particolari” del sito in oggetto, con il

seguente:

 

Attentato terroristico presso Port El Kantaoui, nelle vicinanze di Sousse. Evitare la zona. In caso di emergenza, contattare Ambasciata d’Italia a Tunisi allo 0021698301496 o Sala Operativa dell’Unità di Crisi allo 06 36225.

SICUREZZA

Il 18 marzo si è verificato un grave attacco terroristico presso il complesso del Bardo a Tunisi, che ha provocato diversi morti e feriti anche tra i nostri connazionali.

Le Autorità di sicurezza tunisine hanno ulteriormente innalzato il livello di allerta terrorismo in tutto il Paese, in particolare nelle aree ad elevata presenza turistica. Un forte dispiegamento di forze dell’ordine viene mantenuto sulle principali arterie stradali del Paese, nelle principali aree urbane  ed anche nelle zone centrali della Capitale.


Sono attivi numerosi posti di blocco con personale di polizia armato -anche in borghese- con il quale si raccomanda di collaborare pienamente.  Le autorità competenti hanno inoltre effettuato un crescente numero di operazioni volte all’individuazione ed all’annientamento di cellule legate agli ambienti del terrorismo o dedite al traffico d’armi.

Gli annunci di arresti di nuclei appartenenti a gruppi terroristi sono stati ultimamente frequenti. Da ultimo, il 7 giugno cinque individui sono stati arrestati a Souk El Jomàa, nel Governatorato di Jandouba, nell’ovest della Tunisia. Cio’ dimostra l’ elevata attenzione delle autorità tunisine sulle attività di gruppi ascrivibili alla frangia religiosa ultraconservatrice (movimento salafita e bande implicate in traffici illegali, per lo più provenienti dalla Libia), anche aderenti ad Ansar al Sharia, resisi responsabili recentemente di attacchi principalmente ai danni delle forze di sicurezza in aree isolate del Paese.


AREE A PARTICOLARE RISCHIO

Oltre alle aree ove è stato recentemente elevato il livello di allerta terrorismo, si segnala che l’attuale instabilità in Libia provoca al valico di frontiera di Ras Jedir e nella vicina Ben Gardene una costante situazione di tensione. Considerata tale circostanza e gli ultimi, recenti sviluppi è fortemente sconsigliato avvicinarsi ai valichi di frontiera con la Libia e, più in generale, al confine con quel Paese e nell’area di Tataouine. In considerazione dell’attuale situazione nel Sahel ed a causa della presenza di gruppi terroristici, quali ad esempio il movimento terroristico di Al Qaida nel Maghreb Islamico (AQMI), è altresì sconsigliato di effettuare spostamenti ed escursioni anche nelle aree adiacenti i confini con l’Algeria  in particolare le aree facenti parte dei Governatorati di El Kef, di Kasserine e di Kebili.

Recentemente si sono registrate proteste, anche di carattere violento, nella localita’ di Douz (Governatorato di Kebili), dove si sono verificati scontri tra manifestanti e forze dell’ordine culminati con l’incendio della sede municipale di Douz e della caserma della Guardia Nazionale, nonché con assalti a sedi di compagnie petrolifere. Si é inoltre assistito ad ulteriori disordini nella localita’ Souk Lahad (Governatorato di Kebili), dove é stata incendiata la stazione di polizia. Le condizioni socio-economiche in questi luoghi stanno aumentando le tensioni e rendono tutta la zona, al momento, sconsigliabile ai viaggi.

Si raccomanda di osservare massima cautela ed elevare la soglia di vigilanza nella frequentazione di luoghi pubblici evitando assembramenti e luoghi affollati di qualsiasi natura, a Tunisi e nelle altre località turistiche. Si raccomanda di prestare massima attenzione in particolare negli spostamenti e si suggerisce di non attraversare zone isolate del Paese, nè quartieri periferici della grandi città, specie negli orari notturni. Si suggerisce di evitare l’attraversamento della Medina di Tunisi in orario notturno o dopo la chiusura delle attività commerciali.  Si consiglia di evitare anche alcuni sobborghi e quartieri periferici della città di Sousse e Sfax, dove si è riscontrato un incremento della criminalità comune. Un invito alla prudenza va esteso anche all’area del Governatorato di Biserta e all’area circostante di Monastir, alla luce di episodi legati anche all’integralismo religioso di matrice salafita.

Si informa che, con decisione del Comitato di Sicurezza Nazionale della Presidenza della Repubblica tunisina, nei mesi scorsi sono state dichiarate zone di operazioni militari le seguenti località: Bir Lahfay, Sidi Ali Ben Aoun, Sidi ïch, Jebel Toual, Jebel Oudada, Jebel Salloum, Jebel Ghardek, Jebel Kemayem e Jebel Rakhmet. Si tratta di aree montagnose isolate localizzate nei territori dei Governatorati di El Kef, Kasserine e Sidi Bouzid.

Si ricorda inoltre che dal  30 giugno 2012, il Ministero della Difesa Nazionale ha decretato la chiusura del Sahara tunisino. L’accesso a tale area è soggetto a procedure stabilite congiuntamente dal Ministero della Difesa Nazionale, dal Ministero dell’Interno e dal Ministero del Turismo in base alle quali i turisti che intendano visitare il Sahara tunisino sono accompagnati da guide turistiche e dall’esercito. Le autorizzazioni vanno richieste direttamente ai Governatorati di Tozeur e Kebili. I punti di accesso al Sahara tunisino (le località di El Matrouha, Jbil, Ksar Ghilane, El Kamour, Kambout, Larzet) sono controllati dalla Guardia Nazionale. Si sconsiglia d ogni modo di effettuare escursioni nella detta area.

CONSIGLI PRATICI

Si raccomanda particolare cautela ai turisti che intendano effettuare escursioni all’interno del territorio tunisino. Ove si intendesse comunque effettuare escursioni, si raccomanda di farlo solo nell’ambito delle attività organizzate da “Tour Operator” locali di chiara fama e professionalità che seguano le indicazioni di sicurezza formulate dalle competenti autorità (vedi anche aree di rischio al confine) e comunque esclusivamente in gruppi numericamente significativi.

In via più generale, è vivamente sconsigliato mettersi in viaggio nelle ore notturne.
Le difficili condizioni in cui versa l’economia nazionale continuano ad essere, inoltre, la principale causa di ricorrenti scioperi, organizzati tanto su base di categoria quanto su base territoriale, nonché episodiche manifestazioni anti-governative dovute alla diffusa disoccupazione, a rivendicazioni di carattere salariale e al caro-vita, soprattutto nelle zone urbane dell’interno e presso i confini con la Libia.  In tali casi, non sono infrequenti blocchi di strade e di attività commerciali ed industriali, danneggiamenti di uffici e trasporti pubblici, scuole, ospedali, particolarmente nelle aree più povere dell’entroterra.  In ragione del loro carattere sporadico, si tratta di episodi di difficile prevedibilità; tuttavia, tali specifici episodi non hanno sinora coinvolto stranieri.

In Tunisia si sono riscontrati alcuni casi di infezione da Coronavirus (NCoV): per un utile approfondimento al riguardo, si invita a consultare il Focus “Sicurezza sanitaria – Coronavirus”sulla home page del presente sito, nonché il sito della WHO (World Health Organization – Organizzazione Mondiale della Sanità), alla pagina “Disease Outbreak News”  http://www.who.int/csr/don/en/index.htm/.

Informazioni circa la situazione di sicurezza nel Paese potranno essere assunte consultando gli appositi Avvisi pubblicati sul sito www.viaggiaresicuri.it che vengono regolarmente aggiornati dal Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale/Unità di Crisi e dall’Ambasciata d’Italia a Tunisi.

Si invitano i connazionali a tenersi costantemente informati attraverso i media locali ed internazionali sugli sviluppi della situazione generale di sicurezza segnalando la propria presenza sia al Ministero degli Affari Esteri, sul sito DoveSiamoNelMondo, sia alla Sede diplomatica italiana a Tunisi, al seguente indirizzo e-mail:   ambitalia.tunisi@esteri.it 

Cordiali saluti

 

Fiavet Lazio

La Segreteria

Prot. 128/15 – News 67 – Vai al sito: www.fiavet.lazio.it

Roma, 26 giugno 2015