ANSA – Lazio: Ecco decalogo Turismo Zingaretti, piano in 100 giorni

LAZIO: ECCO DECALOGO TURISMO ZINGARETTI, PIANO IN 100 GIORNI

INFRASTRUTTURE E CONCERTAZIONE, LANCIA PATTO CON OPERATORI

 

(ANSA) – ROMA, 9 FEB – Un Manifesto in 10 punti per rendere

piu’ competitivo il turismo del Lazio, ” cambiando l’ approccio,

superando ogni pigrizia e puntando su una strategia integrata”.

Lo ha presentato questa mattina a Tivoli, di fronte ai

rappresentanti del mondo dell’ imprenditoria di settore raccolta

attorno alla Fiavet, l’ associazione delle agenzie di viaggio

guidata da Andrea Costanzo, il candidato del centrosinistra alla

carica di governatore Nicola Zingaretti. Che si e’ impegnato a

presentare entro i primi 100 giorni il Piano Triennale del

Turismo 2014-2016.

Al primo posto nel ” decalogo” l’ accessibilita’ e le

infrastrutture: priorita’ la direttrice Fiumicino-Fiera

Roma-Nuovo Centro Congressi; un collegamento tra gli scali di

Fiumicino e Ciampino; la Orte-Civitavecchia per dare forza allla

crocieristica; la navigabilita’ del Tevere. Poi c’ e’ la

promozione, ” superando i campanilismi” perche’ ” il Lazio – si

legge nel programma – e’ la Regione di ‘ Roma e piu””; bisogna

puntare sui paesi emergenti. Terzo punto la diversificazione e

la destagionalizzazione: sfruttare tutte le vocazioni turistiche

regionali: dal balneare al fieristico, al turismo congressuale,

e poi paesaggistico, enogastronomico, religioso, scolastico,

crocieristico, termale, ma anche legato alle produzioni

cinematografiche o alla vita all’ aria aperta (camping). Per

questo pero’ (punto 4), serve ” riordinare e riformare” le

norme regionali, modificando la legge 13/2007 e il regolamento

17/2008 sugli alberghi. Punto quinto, rilanciare la

concertazione con un tavolo permanente.

 Entro i primi 100 giorni (punto sesto), il Piano triennale

del turismo che ” sara’ agganciato – si legge nel manifesto –

alla programmazione dei fondi Por 2014-2020”. Per Zingaretti

poi sara’ fondamentale (punto 7) l’ uso di internet (open data) e

dell’ innovazione tecnologica: parola d’ ordine e’ sinergia. Il

decalogo prosegue poi con la formazione (punto 8), che dovra’

essere on demand; si rilanceranno poi gli istituti professionali

turistici e l’ alta formazione dedicata. Nove, la lotta a tutte

le forme di abusivismo, potenziando i controlli e inasprendo le

sanzioni. Infine, sostegno alle imprese, alle loro reti, accesso

al credito, start up e small business act.(ANSA).