Addizionale comunale sui diritti di imbarco dei passeggeri sugli aerei

Addizionale comunale sui diritti di imbarco dei passeggeri sugli aerei

 

A seguito di alcune richieste di chiarimenti da parte di Imprese di Viaggi e Turismo Associate, si ritiene utile fornire le seguenti informazioni in ordine all’addizionale comunale sui diritti di imbarco dei passeggeri sugli aeromobili:

 

  • la Legge 28 giugno 2012, n. 92 – riforma del mercato del lavoro – ha stabilito che, a decorrere dallo scorso 1 luglio 2013, venga aumentata di € 2,00 l’addizionale comunale sui diritti di imbarco sugli aerei che pertanto è passata così da € 3,00 a € 5,00 a passeggero;

  • l’addizionale in questione è stata introdotta, per la prima volta, dalla Legge Finanziaria per l’anno 2004[1] e subito incrementata l’anno successivo[2]  e destinata ad alimentare il Fondo speciale per il sostegno al reddito e dell’occupazione, della riconversione e riqualificazione del personale del settore del trasporto aereo;

  • la procedura di riscossione prevede che le compagnie aeree versino gli importi alle società di gestione aeroportuali che, a loro volta, riversano le somme incassate all’INPS[3].

                              

                                                                               Pierluigi Fiorentino

                                                                         (Responsabile Servizi Fiscali)

 

 

    

Cordiali saluti

 

Fiavet Lazio

La Segreteria

Prot. 173/13 – News 82– dal sito: www.fiavet.lazio.it


[1] Art. 2, comma 11, della Legge 24 dicembre 2003, n. 350, pubblicata in G.U. n. 299 del 27 dicembre 2003.

[2] Art. 6-quater, comma 2, del Decreto Legge 31 gennaio 2005, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla Legge 31 marzo 2005, n. 43.

[3] Il fondo speciale in questione viene appunto gestito dall’INPS in virtù di quanto disposto dall’art. 1-ter, del Decreto Legge 5 ottobre 2004, n. 249, convertito, con modificazioni, dalla Legge 3 dicembre 2004, n. 291.